9x02 Il Famiglio della Stregha

Missy e Clara, sfuggite al raggio mortale dei Dalek grazie ad un teletrasportatore portatile attivatosi proprio grazie all'energia del raggio laser dei Dalek (trucco già utilizzato da Missy contro il Brigadiere in Morte in Paradiso), sono pronte a tornare nella città dei Dalek per salvare il Dottore. Le due percorrono le fogne dove vengono lasciati a putrefare i Dalek troppo vecchi e Missy attira un Dalek usando Clara come esca per poi danneggiarlo. I Dalek putrefatti ed incattiviti da secoli di abbandono cercando di impadronirsi della sua corazza, uccidendolo, e Clara ne approfitta per nascondersi nella corazza. Nel frattempo, Davros afferma di essere animato da buone intenzioni: desidera che, dopo tante battaglie, almeno una volta lui e il Dottore stiano dalla stessa parte. Gli mostra addirittura una sequenza di fili elettrici che lo tengono in vita, legata a quella dei Dalek di Skaro, e gli offre la possibilità di distruggere i fili conduttore, uccidendo così tutti i Dalek, ma il Dottore non se la sente di macchiarsi di un tale genocidio. Clara, spacciandosi per un Dalek, porta Missy all'interno della città dei Dalek facendola passare per una prigioniera. Il Dottore rivela a Davros che Gallifrey è sopravvissuto alla Guerra del Tempo, e Davros, pentito delle sue azioni malvagie, consiglia al Dottore di prendersi cura del suo popolo, proprio come fece lo stesso Davros in passato, perché in principio lui creò i Dalek per salvare la sua civiltà. Il Dottore trasferisce parte della sua energia rigenerativa ai fili conduttori che tengono in vita Davros per consentirgli di aprire i suoi occhi veri e vedere la sua ultima alba. Il tutto si svela un trucco per rubare l'energia al Dottore e trasferirla a tutti i Dalek del pianeta, creando così dei Dalek più potenti ed allungando la vita di Davros. Compiaciuto, il creatore dei Dalek afferma di sapere la vera ragione per cui il Dottore in principio scappò da Gallifrey: non per noia, ma per evitare che si avverasse una profezia secondo cui il Dottore avrebbe un giorno creato un ibrido di due razze che avrebbe segnato la fine di tutto. Il Dottore però aveva già intuito il piano di Davros, ed aveva trasferito l'energia anche nelle fogne in cui giacciono i resti dei Dalek, che risalgono in superficie per attaccare i Dalek viventi, sommergendo la città. Il Dottore abbandona Davros e, riunitosi con Missy, incontra Clara nelle spoglie del Dalek. Sadicamente, Missy prova a farla uccidere dal Dottore, dicendogli che proprio quel Dalek ha ucciso Clara: la ragazza prova a dirgli chi è, ma quando pronuncia alcune parole, l'interfaccia vocale del Dalek le modifica in frasi di morte ed odio tipiche della sua specie. Il Dottore riesce a riconoscere l'amica quando questa pronuncia la parola pietà. Rabbioso, caccia via Missy, la quale viene circondata dai Dalek, e scappa con Clara, libera dalla corazza, a bordo del TARDIS, che non si era realmente disintegrato, ma solo disperso in tante particelle, che poi il Dottore ricompone usando un congegno che si presenta come un paio di occhiali da sole. Il Dottore non capisce come abbia fatto Clara a pronunciare attraverso la corazza Dalek la parola "pietà", dato che tecnicamente non dovrebbe far parte del loro lessico. Poi comprende e torna indietro nel tempo, salvando il giovane Davros: in questo modo instilla nel futuro creatore dei Dalek (anche se di poco) il senso della pietà, che in minima parte lui trasferirà nelle programmazioni dei Dalek, con cui Clara sarà capace di farsi riconoscere dal Dottore, salvandosi.
 
Luogo: Base UNIT - Skaro
Dottore: 12° (Peter Capaldi)
Companion: Clara Oswald (Jenna Louise Coleman)
Nemico: Davros, Dalek