9x12 Piegato dall'Inferno

In un diner nel deserto del Nevada, il Dottore racconta le sue vicende ad una cameriera identica a Clara, che sembra non conoscerlo: a Gallifrey, il Dottore torna nel granaio dove passò la sua infanzia, e lì viene raggiunto dalla nuova incarnazione di Rassilon, vero responsabile della sua prigionia. Quest'ultimo è spaventato della profezia dell'ibrido, e vuole le informazioni in possesso del Dottore su di essa. Quando quest'ultimo si rifiuta, Rassilon ne ordina l'esecuzione, ma i soldati sparano in aria, considerando il Dottore un eroe della Guerra del Tempo: privo di ogni autorità, Rassilon viene esiliato. Anche i membri del Alto Concilio e la Sorellanza di Karn vogliono dal Dottore le stesse informazioni, ma lui afferma di aver bisogno di Clara per risolvere il mistero: i Signori del Tempo usano quindi la loro tecnologia per estrarla dalla sua linea temporale, un istante prima che lei morisse. La nuova Clara, sospesa temporalmente, è dunque priva di battito cardiaco, e dovrà essere riposizionata nella sua linea temporale e morire come previsto per evitare una frattura nel continuum. Il Dottore si ribella e fugge con Clara attraverso i Chiostri, le catacombe dei Signori del Tempo, sede centrale del database della Matrice, la più grande rete informatica di Gallifrey. Lì, molto tempo addietro, il Dottore incontrò i temuti guardiani del luogo, che gli rivelarono la profezia dell'ibrido, inducendolo a scappare da Gallifrey. Clara scopre che il Dottore è rimasto intrappolato per più di quattro miliardi di anni poiché aveva capito che a tenerlo prigioniero erano i Signori del Tempo, e svelando l'identità dell'ibrido avrebbe perso ogni potere contrattuale su di loro e non avrebbe potuto riavere indietro Clara. I due fuggono a bordo di un TARDIS rubato, e la ragazza nota che il suo battito cardiaco è ancora fermo, segno che la sua morte non possa essere cancellata e debba necessariamente avvenire, ma al Dottore sembra non importare. Arrivati alla fine dell'universo, il Dottore vi trova Ashildr, ultimo essere vivente rimasto, e l'accusa di essere l'ibrido, metà umano e metà Mire. Lei a sua volta insinua che il Dottore stesso potrebbe esserlo, forse metà umano e Signore del Tempo, prima di formulare un'altra ipotesi: magari l'ibrido non è propriamente un individuo, ma un'entità formata da due persone, ovvero il Dottore e Clara, pericolosa perché il primo, pur di riaverla indietro, sta rischiando di distruggere l'universo. Il Dottore decide allora di abbandonare Clara e di cancellarle i ricordi con il blocco-psichico, ma lei lo ferma, non volendo perdere i momenti passati con lui, che ritiene i più belli della sua vita. I due decidono allora di proseguire senza sapere chi dei due perderà i ricordi dell'altro a causa del blocco-psichico: tocca al Dottore, resosi conto che il suo affetto per l'amica lo aveva spinto troppo oltre, che si risveglia nel deserto. Nel presente, il Dottore, privo di ogni ricordo di Clara, non riconosce l'amica nella cameriera del diner che aveva ascoltato l'intera storia e non si accorge della scomparsa dell'edificio, in realtà il TARDIS rubato che ha cambiato forma per camuffarsi. Clara dice addio all'amico e decide di tornare su Gallifrey per ricollocarsi nella sua linea temporale, affrontando l'inevitabile morte, ma prima vuole sfruttare appieno la sua condizione di sospensione temporale viaggiando e vivendo altre avventure con Ashildr. Il Dottore trova poco lontano il suo TARDIS, che probabilmente Clara ha riportato lì da Londra, trovandovi un nuovo cacciavite sonico ed un messaggio che Clara gli ha lasciato sulla sua lavagna: "Corri, sapientone, e sii un Dottore".
 
Luogo: Gallifrey
Dottore: 12° (Peter Capaldi)
Companion: Clara Oswald (Jenna Louise Coleman)